Archivi categoria: Sicurezza sul Lavoro

Formazione sulla Sicurezza.. on-line?

diavoloHo appena ricevuto un invito via mail a provarla. Di solito sperimento per capire, conoscere, scoprire e cogliere gli aspetti utili, siano positivi da divulgare, siano negativi da evitare per il mio lavoro.

Non me ne vogliate, magari mi sbaglio. Esplorerò, anche se stavolta sarà dura per me eliminare le credenze che si annidano sul tema e-learning e sicurezza.

La Sicurezza non è un pezzo di carta. Non è il risparmio su un corso che ci è dato obbligatorio  e che con l’attestato e 4 ore siamo tutti salvi. Forse salvi dalle sanzioni. Ce lo facciamo bastare?

La crisi non deve essere un paravento per meno investire sull’incolumità fisica e psicologica di chi lavora. Ci si deve rendere responsabili di chi lavora e che a casa ha famiglia. E per chi dà il lavoro, tutelarsi è una questione morale, prima che etica. Il datore di lavoro è un lavoratore a sua volta e non tutela solo il dipendente. Ma se stesso essendo colui che risponde di eventuali incidenti.

Risparmiare sulla Sicurezza significa alimentare la crisi, mettere in condizioni mentali precarie chi il lavoro lo svolge e deve mantenere alta l’attenzione.

Se si parla di e-learning posso pensare di utilizzarlo come test di refresh tra un’aula ed un’altra. Ma se ci affidiamo ad esso completamente e lo utilizziamo come unico strumento, significa non prendere in considerazione seriamente la propria e l’altrui Sicurezza. Vitale, prima che Civile e Penale.

Sia che siamo Datori di Lavoro, sia che siamo Lavoratori.

Sono certa che esistano dei software capaci di sviluppare domande, esercitazioni, test efficaci per la veicolazione dei contenuti: il quesito che mi pongo e la riflessione che invito a fare a chi acquista solo e-learning è: come si agisce sul comportamento? Come si fa a sperimentare un’azione se siamo seduti davanti ad un pc? Come possiamo acquisire la consapevolezza del non fare Sicurezza?

Immaginare di fare, in campo della Sicurezza, del Primo Soccorso, dell’Antincendio,.. non è la stessa cosa che fare. La Conoscenza ha bisogno dell’Esperienza perché diventi utile.

Risparmiare sulla Sicurezza delle Persone ha costi ben più gravi di una sanzione.

Che ne pensate voi?

Annunci

Calcolare la Priorità come il Rischio nella Sicurezza?

il tempoLeggo in giro, per social net e riviste. Pare che di Tempo e Gestione del Tempo non si finisca mai di parlarne e di impararne. Dalle apps sul telefono, connesse ai computer, ai calendari di carta (intramontabili per quanto mi riguarda. Retaggio di nonna: verba volant, scripta manent. E anche i cellulari a volte volant..motivo per cui la carta non la mollo)

In queste ultime due settimane sono stata a Padova per mettere in pratica oltre un anno di lavoro e progettazione. Next Academy, metodo che unisce la facilitazione esperienziale d’aula ad argomenti tecnico-normativi come Sicurezza e Qualità. 

Io non sono un tecnico e nonostante facilitassi le attività ed alcuni momenti di debriefing con Formatori Tecnici Sicurezza ho ascoltato ed appreso, rilevando alcuni collegamenti tra Sicurezza e Comportamentale, materie lontane per contenuti ma di fatto complementari.

Durante il corso “Rischio Alto Specifico”, ho rispolverato dal mio Master il calcolo della valutazione dei rischi, dato dalla formula:

Rischio = Probabilità x Danno

Di seguito il grafico che permette di calcolare l’effettivo rischio in un ambiente di lavoro.

Rischio e Priorità

Nell’osservare la tabella noto una certa somiglianza con la matrice di Eisenhower, che vede la divisione in quadranti per ordine di importanza ed urgenza e grazie alla quale è possibile individuare se un’attività va fatta subito, pianificata o delegata.

Mi son chiesta spesso: sulla base di quali domande una persona colloca un’attività da fare in uno dei 4 quadranti? A percezione personale? 

Già in un altro post avevamo visto la matrice urgenza/ importanza

UrgenteImportante

Mi chiedo se la formula della valutazione del rischio non possa essere anche applicata a questa matrice, dove si avrà:

Priorità= Urgenza x Importanza

Per coloro che hanno una mente matematica, a dispetto della mia (palesemente linguistica) secondo voi, la similitudine c’è ed il calcolo funziona?

Lo proverò in questa settimana e vi saprò dire..

buon lavoro a tutti.

Esperienziale, Sicurezza e Qualità. Si può fare.

si_pu_fareDicevano che non si poteva fare.

La formazione esperienziale è per le competenze comportamentali. Applicarla ad argomenti come la Sicurezza o la Qualità ISO 9001 non è possibile.

E invece.

Il post di oggi è un po’ promozionale, in cerca di soddisfazione, di feedback per un lavoro durato oltre un anno e mezzo. Oggi nasce Next Academy.

Non vi racconto molto ora. (visitate il sito per scoprire altro.. www.nextacademy.it)

Solo che anche il sito crescerà, cambierà col tempo popolandosi di contenuti, così come crescerà la Community dell’Accademia, rivolta alle Persone.

Sono stata in aula, con Nicola Corsano e Alessandra Marconato venerdì e sabato scorsi, e così i prossimi, a Padova.

Abbiamo sperimentato la facilitazione esperienziale d’aula applicata al corso generale lavoratori ed al corso rischio basso. E mi sto rimettendo a studiare. 

Una soddisfazione importante e per la quale sono riconoscente, oltre che a loro, a chi mi ha supportato, sopportato e seguito in questa idea.

Avevo progettato quei corsi molti mesi fa per un trainer tecnico, senza riuscire mai ad esserci durante l’erogazione. Finalmente ho ascoltato i partecipanti dirsi sorpresi di essere così coinvolti nelle attività proposte. E siamo solo all’inizio.

A breve partiranno anche i corsi per la formazione finanziata per la Cultura della Qualità ISO 9001 nelle Aziende con Luca Malagrida di M&D Consulenza.

Fateci sapere cosa ne pensate.. e potremo dire a chi ripete talvota che non è possibile..

SI PUO’ FARE!