Archivi categoria: Formazione Esperienziale

Esperienziale, Sicurezza e Qualità. Si può fare.

si_pu_fareDicevano che non si poteva fare.

La formazione esperienziale è per le competenze comportamentali. Applicarla ad argomenti come la Sicurezza o la Qualità ISO 9001 non è possibile.

E invece.

Il post di oggi è un po’ promozionale, in cerca di soddisfazione, di feedback per un lavoro durato oltre un anno e mezzo. Oggi nasce Next Academy.

Non vi racconto molto ora. (visitate il sito per scoprire altro.. www.nextacademy.it)

Solo che anche il sito crescerà, cambierà col tempo popolandosi di contenuti, così come crescerà la Community dell’Accademia, rivolta alle Persone.

Sono stata in aula, con Nicola Corsano e Alessandra Marconato venerdì e sabato scorsi, e così i prossimi, a Padova.

Abbiamo sperimentato la facilitazione esperienziale d’aula applicata al corso generale lavoratori ed al corso rischio basso. E mi sto rimettendo a studiare. 

Una soddisfazione importante e per la quale sono riconoscente, oltre che a loro, a chi mi ha supportato, sopportato e seguito in questa idea.

Avevo progettato quei corsi molti mesi fa per un trainer tecnico, senza riuscire mai ad esserci durante l’erogazione. Finalmente ho ascoltato i partecipanti dirsi sorpresi di essere così coinvolti nelle attività proposte. E siamo solo all’inizio.

A breve partiranno anche i corsi per la formazione finanziata per la Cultura della Qualità ISO 9001 nelle Aziende con Luca Malagrida di M&D Consulenza.

Fateci sapere cosa ne pensate.. e potremo dire a chi ripete talvota che non è possibile..

SI PUO’ FARE! 

Annunci

Lo spazio del dolce..

sono indeciso...Siamo fatti di Energia, oltre che di tutto il resto. E ne impieghiamo tutti i giorni la dose che ci permette di arrivare sui gomiti a casa. E per alcuni è già una vittoria. A volte siamo così stanchi, che ci fa fatica anche solo il pensiero di qualunque attività.

Ci propongono un’uscita serale infrasettimanale ed è impensabile, tanto che siamo già proiettati alle due ore di sonno in meno che rischiamo di fare e la fatica del giorno dopo.

Mi è capitato di dirlo, non so voi: “ho finito la batteria, non ce la faccio, voglio solo riposare.”

Ecco che ho scoperto che non abbiamo una sola batteria.

A dicembre ho fatto un corso per trainer dove partecipavano alcuni ragazzi stranieri. La sera prima di andare via, hanno proposto di fare “party”, per brindare e festeggiare i 3 giorni insieme.

La parte di noi italiani ha brindato, ma è anche velocemente andata a dormire, stanca delle giornate impegnative.

A pranzo, il giorno seguente i ragazzi mi hanno chiesto come mai non italiani non abbiamo fatto festa dopo tanto lavoro. Banalmente ho risposto che eravamo solo distrutti.

Uno di loro mi chiese..:

Sai che nel corpo abbiamo due batterie? Una per il lavoro ed una “battery for party”.

Aria interrogativa da parte mia..

Capisce che non mi basta,.. che mi piacerebbe uscire a far baldoria.. ma sono stanca! Ho speso tutte le mie energie, replico. E lui non molla:

Quando vai al ristorante, cosa guardi nel menù?

Se c’è il tortino al cioccolato…- rispondo io.

Esatto- dice lui- tu sceglierai cosa mangiare in funzione del dessert. Quindi avrai lo spazio per il dolce. Due stomaci e due batterie. E così vale per il lavoro. Ti devi lasciare lo spazio per il dolce perché quello sarà il tuo ricarica batterie…

Non posso bilanciare da sola..!

organizzare la testaSiamo in chiusura 2012. Pare che in qualunque Mercato, in ogni dove, tra tg e reportage, press e radio,.. si facciano bilanci di tutti i generi. E non li si fanno solo sull’anno appena passato, ma si confrontano con quelli degli anni scorsi e con le aspettative e gli obiettivi dei futuri.

Un’altra occasione persa per non pensar al qui ed ora?

No, stavolta no, serve fermarsi e fare Analisi per organizzare e pianificare. Giusto per non navigare a vista..

Il bilancio lo faccio su questi ultimi mesi, dedicati alla lettura, alla formazione esperienziale, alla scuola per la certificazione di coach ICF, all’allenamento per la concretezza e la lungimiranza di medio e lungo periodo, ed al progetto di facilitazione d’aula in ambito Sicurezza, Qualità ed Ambiente per la veicolazione di contenuti tecnico-giuridici, pronto per il 2013.

Ed infine alla creazione di questo blog.

Ho ricevuto molt feedback positivi, e sono soddisfatta.

Ho ricevuto anche feedback negativi e sono felice di avere vicino chi ci tiene e condivide quello che pensa, contribuendo al miglioramento.

L’impegno per i primi 6 mesi dell’anno prossimo è essere più attenta a quali sono i bisogni concreti, aderenti alla realtà di chi legge, di chi cerca, di chi vuole riflettere con qualche domanda, di chi cerca valore aggiunto tra i contenuti.

E un po’ come dice la vignetta…, mica posso far tutto da sola?! Senza il confronto, senza feedback, senza di voi non andrò lontano.

E voi cosa state bilanciando che vi fa avere grinta nonostante la situazione socio-politico-economica?

Qualcosa da dichiarare? Io sì. Grazie a chi c’è stato in questi primi 80 giorni e continuerà ad esserci.

Ci rivediamo lunedì 7 gennaio 2013! Buon.. ogni giorno da ora in poi, 🙂

Antonella

 

Nei panni dell’altro,no grazie..

Nei panni dell’altro? Che fatica, no grazie!

In questa settimana mi sono capitate esperienze in cui ho riflettuto sul concreto supporto che dà il mettersi nei panni dell’altro, nel disciogliere un problema con qualcuno o cambiare una situazione conflittuale. Sia professionale che di relazione. (Consapevoli che la relazione c’è sempre e comunque. Non se ne scappa)

In aula, o durante delle sessioni di coaching, con amici, con parenti mi tornava in mente spesso una frase che mi era stata detta tempo fa..: “nei panni dell’altro no grazie. Già mi ha fatto un torto, ci manca solo che lo giustifichi o lo comprenda!”

Che differenza c’è tra giustificare e comprendere?

A che ti serve comprendere?

Che vantaggio hai a non comprendere?

Alla fine, se è vero che il principio di causa-effetto significa che ad ogni azione c’è una reazione, significa che se quella persona ti ha fatto un torto, tu potresti domandarti anche..:

Cosa posso aver fatto io perché la persona re-agisse così?

Il che non significa giustificare. Significa comprendere e rendersi conto che un errore nei fatti, nelle azioni, nei comportamenti scelti e nella comunicazione c’è stato e forse non è solo da una parte. Significa andare a capire quale è la nostra responsabilità e verificare se potevamo fare qualcosa di diverso.

Per non lasciar sospesa questa comprensione, possiamo andare a parlare con la persona e non (solo) per recriminare con una lamentela fine a se stessa del torto subito, quanto per dimostrare che si è stati capaci di analizzare le responsabilità delle parti, con un obiettivo di risoluzione chiaro che ristabilisca un equilibrio.

Significa capire, per scoprire e conoscere quello che oggi crediamo  di sapere dandolo per scontato, sulla base di nostre interpretazioni del comportamento altrui. (Un po’ come quando diamo “un tono” alle mail che leggiamo, perché crediamo di ascoltare la persona mentre scrive.. )

Cambiare punto di vista, mettersi nei panni dell’altro significa sentire quello che l’altro prova e come lo prova. Significa chiedersi ancora..:

Che tipo di relazione voglio con questa persona?

Ha fatto ciò che ha fatto di proposito?

Sa cosa provo io e so cosa prova? Quali responsabilità ho avuto io? E le sue: conosce le conseguenze del suo fare? Cosa possiamo fare oggi per tornare ad una situazione di parità?

Non interessarsi degli altri e del loro fare e sentire anche quando crediamo di essere completamente vittime di un torto significa trincerarsi senza alcuna volontà di far evolvere la situazione verso il discioglimento, significa limitare se stessi e non concedersi la possibilità di scoprire quanto la stessa esperienza sia stata vissuta diversamente da entrambi.

Il supporto concreto del mettersi nei panni dell’altro è dato per me dall’opportunità di chiedere scusa per qualcosa che, magari, abbiamo provocato noi per primi senza volerlo, e ricevere dall’altro delle scuse consapevoli con un impegno a ristabilire una condizione di parità.

Cosa non vi torna di quanto avete letto e che può spingere oltre la riflessione?

Siete Latte, O siete Caffè?

Siete Latte o Siete Caffè?

Quando vado in aula le prime azioni che faccio sono quelle di presentare quale è il metodo e quali sono gli strumenti che si andranno ad utilizzare per la faclitazione. Quindi vado a prendere dal tavolo una bottiglia d’acqua ed un bicchiere vuoto. E’ così che mi piace introdurre la formazione esperienziale: partendo da una metafora. 

Ho in aula persone diverse da me, diverse tra loro. A volte delle stessa azienda con ruoli diversi, a volte di aziende diverse.

Fin da piccoli siamo abituati a vederci imparare tra i banchi di scuola, di fronte alla maestra. Si crede che lei sia una brocca di acqua, piena. Lei ha la conoscenza e l’esperienza. E noi, lì, seduti, piccoli, che non sappiamo e non sappiamo fare, come bicchierini vuoti in attesa di un travaso del Sapere.

La formazione esperienziale parte da una modalità opposta. Non è migliore né peggiore dell’approccio a noi tutti conosciuto. E’ solo diverso.

Allora, in aula, quando sono di fronte ad informatori scientifici, a titolari di salone, ad operatori di call center, manager del settore assicurativo, chiedo loro: siete latte o siete caffè? Solitamente sono caffè.

Ed io sono latte.

Siamo due cose diverse, ci occupiamo di cose diverse e abbiamo conoscenze ed esperienze diverse. Eppure io conosco il caffè, pur non bevendolo, come voi conoscete il latte. Questo non impedisce lo scambio. Questo, permette di mischiarci e creare qualcos’altro di buono. Nessuno insegna a nessuno.

Ognuno dà quel che sa. Ognuno prende da quell’esperienza ciò che gli serve. 

E così siamo Latte E Caffè. Insieme siamo CaffèLatte.

Cosa voglio dirvi con questo oltre la riflessione della diversità come opportunità. Mi vengono in mente tutte le volte che incontriamo qualcuno e spariamo a zero con giudizi e opinioni non fondati su fatti. Per poi ricrederci a distanza di tempo o aspettare al varco per confermare la nostra idea. Se ci chiedessimo..: “è latte, o caffè? Come possiamo integrarci? Che gusto può venir fuori da noi due? Quale è la giusta dose di zucchero che posso mettere io perché le cose possano funzionare?” ..credo ci daremo un’opportunità in più per restare aperti a ciò che è fuori dalla nostra zona di Comfort ed apprendere qualcosa che non sapevamo esistere. La diversità dell’altro nel suo fare. E scoprire che la nostra è altrettanto accolta.

Si ricollega al concetto di dichiararsi Vulnerabili, di non sapere tutto di tutto, che ci apre la porte all’apprendimento, di cui abbiamo parlato in questo articolo. 

Quali sono le vostre modalità di ascolto e accoglienza delle diversità altrui?