Decidere, o non decidere?

downloadOgni attimo che viviamo sottende una decisione da prendere. Perché qualunque cosa ha un obiettivo da raggiungere e quello che ci potrebbe perplimere maggiormente è: come fare per raggiungerlo.

E così la decisione di una decisione.

L’etimologia della parola riporta a “risolvere, definire, tagliare via, mozzare”.

Ecco da dove venga tanta difficoltà a prendere una strada anziché un’altra. La percezione che abbiamo dei significati di scelta irrevocabile può far provare emozioni forti, tra cui forse la paura.

La paura di commettere un errore, di non soddisfare le aspettative altrui, di deludere, di non piacere, di non essere all’altezza, di non poter tornare indietro, di non voler responsabilità, di mostrarsi fallibili ed incoerenti, di perdere un pezzo dell’intero. Paura di rimanere con le spine,  e non con la rosa.

Eppure una decisione va presa, e lasciare passare del tempo non aiuta, anzi, a volte può solo rendere il nodo più stretto.

La decisione è la parte finale di una negoziazione?

Se decido prima ciò che ritengo migliore per me, ciò che credo funzioni, si apriranno una serie di scenari che avranno delle azioni da intraprendere, altre micro-decisioni. Per questo, le decisioni possono essere da un lato la parte finale di un processo negoziale, con se stessi o con altri, ed anche l’inizio di un processo diverso:

se impariamo a riconoscere e ricordare gli obiettivi sottesi, a scomporre in micro-azioni, potremo vivere le decisioni che ci spaventano da prendere con un’emozione diversa?

Anche non decidere è una decisione.

Quando (e quanto…) ci conviene lasciare che sia altro a decidere per noi?

 

 

Annunci

Un pensiero su “Decidere, o non decidere?

  1. Beatrice Monticelli

    Che cosa accadrebbe se sapessimo, a partire dal profondo, che non potremmo mai sbagliare? Che possiamo credere che la vita abbia un perfetto piano per noi e ci porta esattamente dove abbiamo bisogno?
    No, non è una buona scusa per non scegliere, solo una buona scusa per vivere le scelte con emozioni diverse. Come sarebbe se la nostra mente fosse colma di fiducia, da non lasciare spazio alla paura?

    Grazie Anto del prezioso spunto.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...